Testo coordinato dal Comitato di redazione prima della votazione finale in Assemblea e distribuito ai Deputati il 20 dicembre 1947:

Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignitÓ e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

╚ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertÓ e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti