Testo coordinato dal Comitato di redazione prima della votazione finale in Assemblea e distribuito ai Deputati il 20 dicembre 1947:

Art. 27.

La responsabilitÓ penale Ŕ personale.

L'imputato non Ŕ considerato colpevole sino alla condanna definitiva.

Le pene non possono consistere in trattamenti contrarţ al senso di umanitÓ e debbono tendere alla rieducazione del condannato.

Non Ŕ ammessa la pena di morte, se non nei casi previsti dalle leggi militari di guerra.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti