[Dalla relazione del Presidente della Commissione per la Costituzione Meuccio Ruini che accompagna il Progetto di Costituzione della Repubblica italiana.

Vengono qui riportate solo le parti relative all'articolo in esame, mentre si rimanda alle appendici per il testo completo della relazione.]

Per la scuola, si Ŕ riconosciuto che spetta alla Repubblica dettare le norme generali sull'istruzione, organizzare la scuola di Stato in tutti i suoi gradi, assicurare ad enti e privati la facoltÓ di istituire altre scuole. Tutto ci˛ non costituisce un monopolio statale; ed Ŕ ammessa la libertÓ d'insegnamento. Ma l'organizzazione della scuola pubblica Ŕ una delle precipue funzioni dello Stato; e quando le scuole non statali chiedono la parificazione, la legge ne definisce gli obblighi e la sorveglianza da parte dello Stato, e nel tempo stesso ne assicura la effettiva libertÓ garantendo paritÓ di trattamento agli alunni, a paritÓ di condizioni didattiche. La serietÓ degli studi e l'imparziale controllo su tutte le scuole statali e non statali sono garantiti con l'obbligo dell'esame di Stato, non solo allo sbocco finale ma anche in gradi intermedi.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti