[Il 19 dicembre 1946, nella seduta antimeridiana, la prima Sottocommissione della Commissione per la Costituzione discute sul giuramento.

Vengono qui riportate solo le parti relative all'articolo in esame, mentre si rimanda alle appendici per il testo completo della discussione.]

Moro dichiara di essere contrario per principio al giuramento, ma di rendersi conto della sua necessitÓ in quei casi nei quali il vincolo del giuramento pu˛ avere significato politico, oppure pu˛ essere un efficace richiamo alla serietÓ della funzione che si sta per compiere. ╚ quindi del parere che debbano giurare: da un lato il Capo dello Stato ed i Ministri, dall'altro le Forze armate, le Forze di polizia ed inoltre i testimoni e gli interpreti; non ritiene invece necessario il giuramento per i magistrati.

[...]

Cevolotto. [...] Osserva per˛ che delle varie categorie di persone che dovrebbero essere obbligate al giuramento non si fa menzione in nessuna Costituzione. Le diverse Costituzioni lasciano ad una legge particolare di stabilire chi deve giurare e con quali formule. [...] Ritiene che si possa considerare l'opportunitÓ o meno di inserire nella Costituzione l'obbligo del giuramento da parte del Capo dello Stato, ma che per il resto si debba lasciare alle leggi di stabilire i singoli casi in cui determinate categorie debbono giurare.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti