[Il 4 settembre 1946 la seconda Sottocommissione della Commissione per la Costituzione prosegue la discussione generale sull'organizzazione costituzionale dello Stato con la relazione dell'onorevole Conti.

Vengono qui riportate solo le parti relative all'articolo in esame, mentre si rimanda alle appendici per il testo completo della seduta.]

Conti, Relatore, [(illustrando la sua relazione)...] Il criterio indicato come direttivo della formazione del Senato, non esclude, poi, in linea di principio, che si consideri anche la convenienza di attribuire allo stesso Senato od al Capo dello Stato la nomina di un ristrettissimo numero di senatori a vita, in modo da permettere di assicurare al Senato il concorso di personalitÓ eminenti, che per ragioni diverse non sarebbero utilizzate col sistema elettivo.

[Conti, Relatore, (proposta di articolazione)...]

Art. ...

Il Senato Ŕ composto di rappresentanti d'ambo i sessi di etÓ non inferiore ai 40 anni, eletti dalle Assemblee delle Regioni, dai Consigli accademici, dalle UniversitÓ, dalle Organizzazioni sindacali nazionali, dagli Ordini professionali e dal Presidente della Repubblica, riconosciuti gli uni e le altre dallo Stato e chiamati all'elezione da legge rinnovabile ogni dieci anni.

[...]

Art. ...

I Senatori sono eletti per sei anni.

Ogni tre anni si deve procedere alla rinnovazione della metÓ dei membri del Senato. La cessazione del mandato allo spirare del triennio, deve essere rimessa al sorteggio. I sorteggiati sono rieleggibili. I Senatori nominati dal Presidente della Repubblica restano in carica durante l'esercizio della loro funzione pubblica.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti