[Il 4 settembre 1946 la seconda Sottocommissione della Commissione per la Costituzione prosegue la discussione generale sull'organizzazione costituzionale dello Stato con la relazione dell'onorevole Conti.

Vengono qui riportate solo le parti relative all'articolo in esame, mentre si rimanda alle appendici per il testo completo della seduta.]

Conti, Relatore, [(illustrando la sua relazione)...] A questa procedura normale per la formazione delle leggi la Costituzione potrebbe prevedere una deroga per il caso di urgente necessitÓ.

In questo caso l'approvazione di ciascuna delle due Camere su un disegno di legge sarebbe data da una Delegazione permanente e nominata annualmente da ciascuna di esse nel suo seno con sistema proporzionale. Se l'urgente necessitÓ non Ŕ preliminarmente riconosciuta dalla Delegazione di una Camera, la procedura normale di approvazione della legge dovrebbe essere osservata.

Con questa disposizione, la Costituzione, mentre escluderebbe la facoltÓ del Governo di emanare decreti-legge, istituirebbe un procedimento accelerato, che assicura la possibilitÓ di una pronta emanazione di provvedimenti legislativi che fossero richiesti da una effettiva urgente necessitÓ.

[Conti, Relatore, (proposta di articolazione)...]

Art. ...

La Camera elegge nel suo seno il presidente, due vice presidenti, i questori, i segretari e le Commissioni, a norma del proprio regolamento. Elegge ogni anno, all'inizio della sessione di primavera, con votazione a maggioranza assoluta, una Giunta permanente, presieduta dal Presidente della Camera, composta di 30 deputati con il mandato di procedere nella vacanza del Parlamento congiuntamente con la Giunta del Senato all'esame e alla approvazione in via di urgenza di progetti di legge del Governo.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti