[Il 21 dicembre 1946, nella seduta antimeridiana, la seconda Sottocommissione della Commissione per la Costituzione prosegue la discussione sul coordinamento degli articoli sul potere legislativo. ╚ in discussione l'articolo relativo alla promulgazione delle leggi e la possibilitÓ per il Presidente della Repubblica di chiedere alle Camere una nuova deliberazione.

Vengono qui riportate solo le parti relative all'articolo in esame, mentre si rimanda al commento all'articolo 74 per il testo completo della seduta.]

Mortati dichiara che, nella formulazione da lui proposta dell'articolo in esame, si Ŕ richiamato al principio, giÓ approvato dalla Commissione, che la forma di Governo dovesse basarsi sul sistema parlamentare, pur circondando tale sistema di opportuni congegni per assicurare la stabilitÓ del Governo. Ammesso quindi tale principio, si trattava di scegliere fra i vari tipi di sistema parlamentare quello che fosse pi¨ idoneo a soddisfare le esigenze di una stabilitÓ governativa. L'articolo da lui proposto mira appunto a raggiungere tale scopo. Avverte per˛ che le norme in esso contenute dovrebbero essere esaminate tenendo presenti non solo le disposizioni dell'articolo 38 del progetto in discussione, ma anche quelle relative al potere esecutivo, per avere una visione pi¨ ampia del problema. Dalla maggioranza dei componenti il Comitato, per assicurare una certa stabilitÓ al Governo, Ŕ stato proposto che esso possa rimanere in carica, anche se singole leggi non siano approvate dalle Camere e che per la caduta del Governo occorra una espressa deliberazione di sfiducia approvata a maggioranza qualificata. La sua proposta in seno al Comitato si riannodava a quella prospettata dal Comitato stesso, ma con questa particolaritÓ, diretta ad assicurare una maggiore stabilitÓ al Governo, di stabilire che, una volta accordata la fiducia espressa al Governo, questa non potesse essere revocata, se non trascorso un certo termine. In ogni modo per delineare un sistema parlamentare che non coincidesse pi¨ con quello cosý detto assembleare, in cui il Parlamento ha la piena potestÓ di far cadere il Governo in caso di dissenso anche per una sola legge, Ŕ stato predisposto l'articolo in esame, con cui si prevede la possibilitÓ che il Governo, e per esso il Capo dello Stato, chieda al Parlamento il riesame di una legge giÓ approvata dal Parlamento stesso.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti