[Il 27 maggio 1947 l'Assemblea Costituente inizia la discussione generale del Titolo quinto della Parte seconda del progetto di Costituzione: «Le Regioni e i Comuni».

Vengono qui riportate solo le parti relative all'articolo in esame, mentre si rimanda alle appendici per il testo completo della discussione.]

Preti. [...] D'altronde, se dovesse rimanere in vigore l'articolo 125 del progetto, il quale prevede il possibile distacco e la costituzione in regioni autonome di territori che abbiano almeno una popolazione di mezzo milione di abitanti, quando ne facciano richiesta tanti consigli comunali che rappresentino almeno un terzo della popolazione interessata, potrebbero verificarsi delle sorprese. Innumerevoli province, messe domani in grado di assurgere a regioni attraverso la procedura prevista dall'articolo 125 del progetto, non mancherebbero di approfittarne, sicché lo Stato si troverebbe di fronte all'improvvisa circostanza della trasformazione delle province in regioni. Quando domani il Salento otterrą di diventare regione, la Daunia, il Sannio, la Tuscia vorranno seguirlo sulla stessa via. E in breve vedremo tutte le grosse province all'arrembaggio, per diventare esse pure regioni.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti