Testo coordinato dal Comitato di redazione prima della votazione finale in Assemblea e distribuito ai Deputati il 20 dicembre 1947:

Art. 107.

I magistrati sono inamovibili. Non possono essere dispensati o sospesi dal servizio nÚ destinati ad altre sedi o funzioni se non in seguito a decisione del Consiglio superiore della magistratura, adottata con il loro consenso, o per i motivi e con le garanzie di difesa stabilite dall'ordinamento giudiziario.

Il Ministro della giustizia ha facoltÓ di promuovere l'azione disciplinare.

I magistrati si distinguono fra loro soltanto per diversitÓ di funzioni.

Il pubblico ministero gode delle garanzie stabilite nei suoi riguardi dalle norme sull'ordinamento giudiziario.

 

PrecedenteSuccessiva

Home

 

 

A cura di Fabrizio Calzaretti